A Barcellona con Woody Allen

3 parole. “Vicky, Cristina, Barcelona” (2008), uno dei più celebri film nati dal genio di Woody Allen. Dopo numerosi viaggi qua e là per la Spagna, ne era rimasto talmente affascinato tanto da scrivere una vera e propria  lettera d’amore alla Catalogna, ai suoi colori, ai suoi sapori, alla sua cultura. Al momento stesso di scrivere il copione, lo stesso Allen disse:

“non pensavo ad altro che a creare una storia in cui Barcellona fosse un personaggio come gli altri. Volevo renderle omaggio perchè adoro questa città e tutta la Spagna in genere. È una città piena di bellezza visiva, con una sensibilità molto romantica”.

Infatti, quasi tutto il film è ambientato nella città di Barcellona, con alcune scene a Oviedo e Aviles. In 96 minuti si cerca di mostrare la città a 360 gradi mettendo in evidenza sia la parte turistica e nota in cui si mostrano la Fondazione Joan Mirò, la Sagrada Familia, il Parc Guell e la Pedrera, che quella meno con il grande Parco di divertimenti Tibidabo, il Porto Olimpico oppure l’aeroporto di Barcellona in un viaggio tra sentimenti e arte. Molti vedono Barcellona come la città della movida spagnola per eccellenza ma, in realtà, è molto più di questo e anche io, nella mia settimana nella capitale della Catalogna, ne sono rimasta sorpresa e affascinata. Perciò, pronti per partire? 😊

tumblr_odk7ojtYGi1ttvfzko1_400.gif

  1. Aeroporto di Barcellona con il murale di Mirò al Terminal 2: un grande murale di ceramica realizzato con l’artista J. Llorens Antigas. Non tutti infatti sanno che l’artista è il re della pittura e scultura a Barcellona, tanto da essere a lui dedicata la Fondazione Juan Mirò, che compare anch’essa nel film, al cui interno  sono conservate alcune delle più illustri opere dell’artista catalano .

 

2. Sagrada Familia, la cattedrale “mai terminata” in costruzione dal 1882, ad opera invece del re dell’architettura di Barcellona, ovvero Antoni Gaudì. La cattedrale comprare già da una delle primissime scene del film che vede Vicky e Cristina fotografarne gli interni, ma continuerà a mostrarsi per tutto il film. Essendo l’attrazione più visitata di Barcellona, è consigliato prenotare anticipatamente i biglietti online per visitarla. Si possono realizzare vari tipi di visita con prezzi che variano trai i 15€ e i 21€ e si può visitare unicamente la Basilica oppure aggiungere la visita a una delle torri aperte al pubblico, la Torre della Passione e la Torre della Nascita. Il modo migliore per arrivare è in metropolitana con le linee 2 e 5.

 

3. Parc Güell, sempre ad opera del genio di Gaudì, in cui una scena principale è stata girata di fronte alla famosa scultura di El Drac, ovvero la variopinta salamandra simbolo dell’alchimia e del fuocosulla scalinata principale. Vicky e Juan Antonio si reincontrano dopo il loro ritorno da Oviedo e parlano di quello che è accaduto nella città delle Asturie. Comprende la Sala dalle 100 Colonne, sebbene in realtà siano 85, a sostenere la terrazza soprastante costituita a sua volta da panche a forma di serpente da cui potete godere di una vista spettacolare di Barcellona. Il biglietto singolo per adulti costa 7€ online (14€ con la guida), mentre i bambini fino a 6 anni d’età è gratis.

 

4. Casa Milà, altra opera sempre del maestro Gaudì, detta La Pedrera (cava di pietra) e situata al numero 92 del celebre Passeig de Gràcia, la strada dell’alta moda barcellonese. Visitabile l’interno e, soprattutto, il tetto come han fatto nel film le due protagoniste. Anche in questo caso, è consigliabile acquistare anticipatamente i biglietti online risparmiandovi l’infinita coda. E’ possibile fare tre visite, con prezzi variabili, e un’audio-guida inclusa nel prezzo:

  • “la Pedrera de dia”, ovvero una visita che può svolgersi durante tutto l’arco della giornata;
  • “Gaudi’s Pedrera: the Origins”, ovvero una visita da svolgere anche di notte;
  • “l’altra Pedrera”, esclusivamente in catalano che permette di conoscere notizie meno famose su Casa Milà.

 

5. Casa Batllò,  all’interno e all’esterno è un continuo di onde, curve, a testimonianza del rifiuto di Gaudì verso le linee rette  e progettata per ricevere luce naturale in tutte le sue parti, tanto da scatenare un vero e proprio gioco di colori. Come per Casa Milà, anche qui è possibile visitarne l’interno e il tetto e, nel caso in cui siate fortunati, potete anche assistere ad un concerto sulla terrazza del palazzo.

 

6. Port Olimpic, oltre ad essere un rinomato porto sportivo, il Port Olímpic è oggi anche un importante centro turistico e di svago della capitale catalana, tanto da attirare milioni di persone l’anno, grazie alle torri Olimpiche (Torre Mapfre e Hotel Arts) e ai numerosi centri commerciali in cui i turisti possono dedicarsi a un pomeriggio di sano relax all’insegna dello shopping. E’ il fulcro della vita notturna di Barcellona con bar, discoteche e after-party: se non siete fan della movida come me, ma avete voglia di passare una serata completamente diversa, allora fate un salto all’IcebarBarcelonail primo icebar del mondo sulla spiaggia dove potrete bere una birra, un succo o un cocktail alla temperatura dai -2 ai -10 gradi sotto zero.

 

7. La Rambla, lungo viale delimitato ai margini da platani, che collega Plaza de Catalunya al porto, in cui è presente il monumento a Cristoforo Colombo, costituito da una colonna alla cui sommità è situata la statua del navigatore. E’ visitabile in quanto all’interno della colonna vi è un’ascensore che porta al belvedere da cui potete godere di una vista della città. Prezzo: intero 6€, ridotto 4€. La Rambla è un luogo vivace e colorato, pieno di artisti di strada e personaggi eclettici, suddivisa per praticità in cinque aree che sono:

  • Rambla de Canaletes, con la fonte la cui acqua, secondo la tradizione popolare, consente al visitatore che la beve di tornare a Barcellona;
  • Rambla de los Estudis, indica il luogo dove in epoca medievale sorgeva l’università;
  • Rambla de Sant Josep o les Flors, dove si trova il famoso Mercat de la Boquería, è il mercato più popolare di Spagna e il più grande della Catalogna, aperto tutti i giorni, tranne la domenica, dalle 8 alle 20.
  • Rambla de los Caputxins dove sorge il gran Teatro del Liceu, uno dei più bei teatri d’Europa;
  • Rambla de Santa Mónica, che arriva fino al mare con plaça de la Porta de la Pau dove vi è il monumento a Cristoforo Colombo, come detto precedentemente.

8. Parco divertimenti di Tibidabo, ha più di 25 attrazioni ed è situato nel punto più alto del Tibidabo. La maggior parte dei turisti arriva con la Funicular de Tibidabo, che permette un’avventura fuori da ogni schema. I biglietti possono essere acquistati alle biglietterie presenti una volta scesi dalla funicolare ed è possibile acquistare un biglietto giornaliero al prezzo di: 28,50€  per gli adulti,   10,30€   per i bambini sotto i 120 cm di altezza e gratuito per i bambini sotto i 90 cm. È anche possibile pagare singolarmente alcune attrazioni che si trovano fuori dai cancelli del parco, come la coloratissima ruota panoramica; quest’area è conosciuta come “Tibidabo Sky Walk“. 🎡😎 Inoltre, ancora più su del parco è presente il Templo Expiatorio del Sagrado Corazón, un tempio dedicato a Don Bosco.

 

9. Parc de la Ciutadella, sede del governo della Catalunya, in cui nel film Penélope Cruz e Scarlett Johansonn si divertono a scattarsi foto a vicenda davanti alla enorme fontana del parco. Si arriva in metropolitana con la fermata Arc de Triomf, Linea Rossa, L1. Subito si vedrà l’immenso Arc de Triomf e di fronte ad esso troverete una delle entrare al parco. Il parco è una delle mete preferite dai turisti, ma soprattutto dei barcellonesi per la sensazione di pace e tranquillità che trasmette. All’interno del parco è possibile stendersi su ampi prati, vedere fontane monumentali e un piccolo lago, in cui sarà possibile noleggiare una barchetta a remi e visitare lo Zoo, il Parlamento e il Giardino Zoologico, suddiviso in zone in base alle varie aree del mondo da cui provengono gli animali.

 

10.Acquario di Barcellona, si trova in zona Port Vell, subito dietro al centro commerciale Maremagnum. I biglietti sono acquistabili direttamente alle casse oppure, anche in questo caso, online al sito ufficiale. Consta di 35 vasche,  con oltre 11.000 pesci di circa 450 specie differenti. L’attrazione maggiore è l’enorme ‘Oceanarium’, dove si osservano squali e altre specie marine attraverso il trasparente  tunnel subacqueo.

oceanarium-barcelona2-620x330.jpg

 

Al termine delle riprese Woody Allen rimase ancor più entusiasta tanto da ridire di Barcellona:

“Città fantastica, cosmopolita, ottima combinazione di vecchio e nuovo, con un’architettura antica dalle bellissime strade che si unisce ai simboli dell’architettura moderna, una città romantica e divertente, dalla frizzante vita notturna e dotata di ottima cucina”.

Proprio a riguardo dell’ottima cucina, nel film inserì luoghi da lui stesso testati come il celebre Cafè Vienes, situato all’interno del noto Hotel Casa Fuster (nella celebre Passeig de Graçia), ritrovo per gli intellettuali della città e conosciuto per le sue sessioni di jazz ogni Martedì, a cui anche lo stesso Allen partecipò. 🎶🎷

Ma, a Barcellona, non si può non assaggiare la “paella“: per questo andate da Arume in Calle Botella, 11-13 e troverete un ambiente  semplice e colorato con luci soffuse per creare un’ambiente più intimo. La colazione da fare rigorosamente da Starbucks e per una soluzione pranzo/cena più economica da provare è FresCo che ha ben 6 sedi distribuite in  tutta la città: io, personalmente, ho provato quello in via Ronda de la Universitat, 29, nei pressi di Plaza de Catalunya. Con soli 12€ avete accesso a un menù “all you can eat” veramente delizioso, con bevande illimitate. 😋

E voi avete visto il film e riconosciuto alcune di queste attrazioni? A presto con qualche chicca in più su questa caleidoscopica città. 💃🏻🇪🇸💕

 

487958_4260683210371_488978292_n

 

 

Have a nice trip!

Serena Rizzo, Founder of Un Mare di Stelle

“Life is a journey, enjoy every single step”

@_rizzoserena_

Annunci

2 pensieri su “A Barcellona con Woody Allen

    • serenarizzo ha detto:

      Pienamente d’accordo. La prima volta lascia un pò a desiderare, ma dalla seconda conquista. Uno dei migliori che Allen abbia mai fatto. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...